Psicologìa e filosofìa
- I casi della vita -

 

Il classico disoccupato cronico ...

 

Gennaro J. di anni 22, qualche giorno orsono mi scrive un E-mail con il seguente testo : ho urgentemente bisogno di lavorare e accetterei qualsiasi lavoro … la prego signor Zovich mi aiuti.

Nel giro di poche ore gli trasmetto una offerta di lavoro come generico di cucina in un ristorante italiano in Germania con uno stipendio iniziale più vitto e alloggio. Purtroppo Gennaro non ha imparato un mestiere per cui gli ho raccomandato di fare di tutto per imparare al più presto nel diventare un pizzaiolo specializzato perché solo così si poteva assicurare lavoro costante e ben retribuito.

Non parte subito perché doveva fare le valige … e arriva sul posto di lavoro dopo 10 gg. …

Dopo 6 giorni di lavoro si licenzia in tronco (senza preavviso) con la giustificazione che lo stipendio non era abbastanza allettante … mi telefona dalla stazione ferroviaria di Stoccarda affermando che ha urgente bisogno di lavorare e che non ha abbastanza soldi per ritornare in Italia.

Nel giro di 5 minuti gli trovo un posto di lavoro nelle vicinanze di Francoforte (ca. 150 Km. da Stoccarda) pregando io stesso un datore di lavoro ad assumerlo almeno per superare le festività natalizie e di capodanno … poi a gennaio provvedo a sistemarlo altrove nel caso che non dovesse andare bene.

Gennaro felice di aver risolto così presto i suoi problemi si reca sul nuovo posto di lavoro e, dopo essere arrivato, … lo rifiuta perché lo stipendio non era abbastanza allettante.

Mi telefona nuovamente dalla stazione centrale di Francoforte chiedendomi se lo posso aiutare ancora perché i soldi stanno per finire.

Gli ho consigliato di recarsi alla missione cattolica italiana per farsi rimpatriare.

No comment …